Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini e Di Lorenzo: eredi sul trono

I due capitani pronti a guidare le rispettive squadre nel match di domani sera

Lorenzo e Di Lorenzo, capitani ereditari, ma non per caso. Saranno loro a indirizzare emotivamente la partita dell’Olimpico, in cui anche un dettaglio psicologico può fare la differenza. Loro che per arrivare allo status di leader hanno dovuto attraversare tutto il cursus hohorum. Loro che per le rispettive squadre sono insostituibili.

Il numero 7 giallorosso è stato nominato capitano all’improvviso, pur essendo un predestinato, in seguito allo scontro Dzeko-Fonseca. Avrebbe volentieri aspettato per lealtà verso il compagno di squadra, ma di fronte alla rigidità dei dirigenti ha accettato. Da quel momento nessuno l’ha più discusso, nello spogliatoio e allo stadio. Il rinnovo contrattuale ha poi fortificato il suo legame con la Roma, che appare sempre più indissolubile. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa