Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “È un creativo”. E Cristian ringrazia: “Un gol per i tifosi”

Mourinho si gode la magica notte di Cristian Volpato

Uno ha girato e rigirato la Roma, fino a trovare la scelta giusta. L’altro l’ha tirata fuori dalle sabbie mobili, lanciandola direttamente al quarto posto. La vittoria che vale la Champions ha una firma nobile come quella di Mourinho e una promettente come quella di Volpato. Sono loro due ad aver marchiato a fuoco la vittoria del Bentegodi, che permette tra l’altro alla Roma anche di sorpassare la Lazio.

Ed alla fine Mourinho si gode i tre punti e la vittoria che vale il quarto posto. “Il Verona ha lottato per non perdere, Bocchetti è un allenatore giovane, bravo, in dieci ci ha creato tante difficoltà. Sono contento per la vittoria, più di così non potevamo fare. Ho cambiato sistema due volte, creduto nel talento di questo bambino (Volpato,ndr) e che Matic potesse fare la differenza in costruzione. Quando vinci al 90’ si può parlare di fortuna, ma la fortuna noi l’abbiamo cercata a lungo. Gli infortuni? La nostra filosofia è che se uno cade, l’altro si alza. Piangerci addosso crea negatività, la positività invece la dà la fiducia negli altri giocatori”.

E quando gli chiedono dove può arrivare questa Roma, Mou va sulla difensiva: “Non lo so, facciamo fatica in ogni vittoria, fa parte del nostro dna. Dobbiamo sopravvivere fino al 13 novembre, puntiamo a restare attaccati alle squadre con super-qualità”.

A chi gli chiede del derby, dice che non ne vuole parlare, ma spiega: “Penso al Ludogorets. Quando un allenatore pensa auna gara e non alla partita successiva di solito non finisce bene“. Un riferimento a Sarri e al caso Milinkovic?

Ma Mou preferisce gustarsi Volpato: “È creativo, sa giocare tra le linee, ma anche attaccare gli avversari. Lui oramai è un giocatore della prima squadra, anche se è ancora giovane e ha tanto da imparare. Ma a metterlo dentro non ho fatto una pazzia. Non potevo sapere che avrebbe fatto gol, ma sapevo che ne aveva il potenziale“.

Già, Volpato, uno che evidentemente il Verona ce l’ha nel destino. “Non so il motivo, forse perché mio padre viene da qua. Questo gol lo dedico ai tifosi che sono venuti fino a qui. Sono entrato quasi a freddo, sono molto contento di aver segnato e aver cambiato la partita. Cosa mi ha detto Mourinho? Che ho avuto fortuna (eufemismo, ndr). Ma quella giocata con Matic la proviamo anche in allenamento, devo ringraziare lui per il gol.E siamo stati bravi a non mollare mai“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa