Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ma nella Roma non può dipendere tutto da Paulo

Una Roma troppo dipendente dal talento di Dybala

Complicato affermare ora, cioè dopo quei venti minuti finali della partita contro il Torino, che non avessero ragione coloro che si sono strappati i capelli nel momento in cui Paulo Dybala si è infortunato.. L’argentino è entrato con la Roma sotto di un gol e ha lasciato il segno da par suo, dimostrando/confermando di essere di una (una?) categoria superiore ai suoi compagni. Un paio di giocate d’autore, il rigore rimediato e poi la traversa che ha dato il “la” al pareggio di Matic.

Tanta roba, se ci pensate, per uno che stava a fatica in piedi, che camminava invece di correre e che non ha mai cercato lo sprint, limitandosi a giocherellare con il pallone tra i piedi. Quei venti minuti hanno dimostrato che alla Roma uno così è mancato in maniera pesante, e che con uno così fatalmente è tutta un’altra musica.

Una squadra triste, povera tecnicamente e anche tatticamente; poi, Dybala, recuperato per una sorta di miracolo mondiale, ha cambiato la storia e ha acceso una flebile fiammella per il prosieguo della stagione. L’impatto dell’argentino sulla partita, però, ci deve indurre a una riflessione più profonda sulla Roma. Possibile che un giocatore al venti per cento della condizione possa essere così determinante per le sorti della squadra?

Certo, Dybala è il più bravo, ma è davvero così impossibile fare a meno di lui senza snocciolare prestazioni da incubo? Che squadra è una squadra che non può prescindere da un suo giocatore pur a mezzo (e anche meno…) servizio? Il problema di gioco della Roma è evidente, chiaro, acclarato. Il compito di Mourinho, aiutato dalla sosta, sarà recuperare (trovare?) una qualità di gioco che possa prescindere dai singoli, anche da quelli più talentuosi.

Finora il portoghese, come testimoniato dai fischi raccolti dalla squadra all’Olimpico, non c’è riuscito. I numeri della classifica (-14 dalla vetta dopo appena 15 gare) lo stanno a confermare. E chiamano in causa tutti, nessuno escluso. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa