Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Inter, la difesa cambia pelle. Smalling nel mirino: è pronto un biennale

Il romanista è il prescelto per sostituire De Vrij. Al posto dello slovacco il preferito è sempre Scalvini

L’Inter ha provato a sterzare e imboccare un’altra via in extremis. Suo malgrado deve immaginare un dopo-Skriniar che sia credibile e all’altezza di una società con ambizioni di vetta. Niente investimenti corposi e per questo antenne inizialmente tese sui parametri zero. Per questo, il puntello che si prova a pescare in difesa è un 33enne di alta garanzia, che non sembra così felice di continuare lì dove sta: Chris Smalling ha un futuro traballante alla Roma.

I giallorossi si sono già mossi per convincere l’inglese a restare, anche alla luce della peculiarità del suo contratto: se raggiungerà le 29 presenze stagionali, Smalling ha un’opzione fino al 2024 che può far scattare in piena autonomia. Nel frattempo, però il suo agente ha sondato il terreno con l’Inter e ha trovato terreno fertile: i nerazzurri sarebbero disposti a offrire due anni di contratto, più uno di opzione a 3,5 milioni più bonus, fino a toccare quota 4.

I nerazzurri vedono Smalling principalmente come perno centrale di una futura difesa a tre: più che vice-Skriniar, un vice-De Vrij insomma. Per la casella che ora occupa lo sloveno, da tempo l’Inter ha un candidato che le ha rapito il cuore: il 19enne Giorgio Scalvini. I primi passi verso l’entourage del giocatore sono stati compiuti e il gradimento dell’azzurrino è già stato accertato. Il problema, semmai, è il prezzo che fa l’Atalanta, sopra ai 40 milioni di euro. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa