Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo-Roma, rottura totale. Spunta il Brighton: pronti 25 milioni

Il club di De Zerbi pronto all’offerta, ma non basta per la Roma. Può essere comunque l’inizio di una trattativa, mentre il Milan spera che non si concludano affari per dare l’assalto a giugno

Domani la Roma tornerà a La Spezia per chiudere il girone d’andata. E lo farà senza Zaniolo, domani neanche tra i convocati del match. E la decisione, espressa alla società nella giornata di ieri, è la sua: Nicolò si è resoindisponibile per la prossima partita di campionato. Una scelta che deriva dalla necessità di tutelare il ragazzo dal punto di vista fisico e psicologico, almeno da quanto fa emergere l’entourage del calciatore. A Trigoria attendono offerte ufficiali per sbloccare la situazione, sempre sulla base di una cessione a titolo definitivo.

Oltre al Tottenham di Paratici, che prova a convincere Pinto ma non si spinge oltre l’offerta di prestito, c’è anche un altro club pronto a farsi avanti per Zaniolo. Si tratta del Brighton allenato da Roberto De Zerbi. I Seagulls sono in piena corsa per un posto in Europa e hanno appena perso Trossard, andato all’Arsenal. Gli inglesi sono pronti ad offrire 25 milioni di euro. Cifra che non rispecchierebbe la valutazione che ne fa la Roma, ma sulla quale si può intavolare una discussione. Certo non si tratta di un top club, ma l’ambiente potrebbe essere quello ideale da cui ripartire. Alla finestra resta sempre il Milan, non per gennaio, con la speranza che nei prossimi giorni non si concluda nessun affare, per poi provare a convincere Tiago Pinto a giugno. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa