Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Gandini: “A Roma due anni intensi, ho pianto all’addio di Totti”

L'ex amministratore delegato racconta il rapporto con la capitale e con la società giallorossa durante i suoi due anni di lavoro

Umberto Gandini, ex amministratore delegato della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Serie A dove ha parlato del suo passato giallorosso. Ecco le sue parole:

Sulla Roma, Luciano Spalletti e Daniele De Rossi.
“Due anni intensi, molto belli e formanti, perché avere un rapporto diretto con l’azionista – che rappresentava un gruppo di azionisti – è stata una scuola, un’esperienza che non conoscevo. La Roma è una società con un rapporto straordinario con la sua tifoseria, estremamente legata alla città. Due anni da amministratore delegato a Roma, con una proprietà americana, è stata una grande esperienza. Abbiamo fatto bene, ricordo le semifinali di Champions League, ho lavorato con Spalletti, Di Francesco, Monchi…

Differenza tra Roma e Milan?
“Il legame con la città, il rapporto fortissimo che c’è, quasi un’identificazione simile a quello che succede a Barcellona, dove il club è più che una squadra, quasi una nazionale”

È stato più difficile lavorare a Roma rispetto che a Milano?
“Per la mia esperienza potrei dirti di sì, per tutto quello che gravita attorno a una città come Roma, capitale e città del governo in cui c’è tantissima influenza: da quel punto di vista è più difficile. Mi piace ricordare il rapporto con Luciano Spalletti: era l’ultimo anno di contratto, non ero il suo riferimento diretto e me lo disse in totale trasparenza. Io gli dissi: “Quando vuole io ci sono, di qualsiasi cosa abbia bisogno”. Ogni tanto ci scrivevamo: io insistevo per fargli vestire la divisa ufficiale al posto della tuta, perché penso che un club come la Roma dovesse essere anche dal punto di vista stilistico all’altezza della situazione e lui, senza dirmi che lo avrebbe fatto, lo fece. Si lamentava con me di cose che erano fuori dal mio “controllo”, come i campi di Trigoria che non andavano bene. Ci sono state tante cose, anche un rapporto con personaggi di alto livello: ho vissuto l’ultimo anno di Francesco Totti in una serata struggente, ho pianto anch’io per quello che rappresentava. Daniele De Rossi? Immaginavo sarebbe diventato allenatore, suo padre Alberto è stato uno degli allenatori più importanti del settore giovanile della Roma. Lui rappresenta la romanità, così come Francesco, ma tra i due Daniele aveva più attitudine per il campo rispetto a Totti. De Rossi divenne il “mio” capitano, il rapporto divenne più stretto”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Lukaku / Milan-Roma
Le possibili scelte di De Rossi per la sfida di domenica, ore 18:00, contro i bianconeri...
Riccardo Orsolini
Dopo il pareggio a reti bianche nel derby della Mole, anche tra Bologna e Monza...
Bologna squadra
Il Bologna rischia di perdere una pedina fondamentale a una settimana dallo scontro Champions con...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie