Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Champions League, vertice straordinario tra Uefa ed Eca

L’incontro, non originariamente in calendario, si è reso necessario dopo le tensioni generate dalla richiesta di modifica della Champions League dall’Eca

Si svolge oggi in Svizzera un incontro tra il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin e un gruppo ristretto di alcuni top club che appartengono all’Eca: tra questi, a quanto apprende l’agenzia di stampa Adnkronos, sono previsti i rappresentanti di Barcellona Real Madrid e alcuni club italiani. Oltre alla Juventus del presidente dell’Eca Andrea Agnelli, è prevista la presenza di Inter Milan. Si tratta di un Board meeting Eca che non era originariamente nel calendario della associazione dei club europei ma che si è reso necessario dopo il salire delle tensioni per la modifica della Champions League che l’Eca vorrebbe dopo il 2024.

Mentre la competizione principale della Champions League continuerà ad essere l’evento a 32 squadre che è oggi, la Uefa prevede cambiamenti sostanziali nel suo formato per assicurare una fase a gironi più lunga in cui le squadre giocherebbero in quattro gruppi di otto, con le prime quattro squadre qualificate per le fasi a eliminazione diretta. Tale impostazione creerebbe dozzine di match up tra club d’élite da vendere alle emittenti e sottraendo risorse ai campionati nazionali. Il timore per le Leghe Europee è quello che non ci sia più un accesso basato sul merito sportivo che venga a svilire il significato dei campionati nazionali.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News