Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

GaSport, “Causio: “Zaniolo deve trovare un Boniperti che lo aiuti a crescere. Kluivert ha tutto per essere un giocatore top””

“Mi è dispiaciuto per il comportamento che il giallorosso ha avuto agli Europei. Tra l’altro mi dicono che non è la prima volta che sbaglia atteggiamento”

Il Barone e i suoi eredi. Definiti con la terminologia di oggi: attaccanti esterni. Franco Causio regala battute e sorrisi a un tavolo che ospita pure Zico. La serie A ha talenti importanti nel suo ruolo.

Il Barone parte da Nicolò Zaniolo. Un ragazzo pieno di qualità e al centro dell’attenzione. Per storie legate al mercato e per quel “passo falso” commesso con l’Under 21. “Zaniolo – osserva Causio – ha talento. Questo è evidente. Però mi è dispiaciuto per il comportamento che ha avuto agli Europei. Tra l’altro mi dicono che non è la prima volta che sbaglia atteggiamento. Per carità, un giovane può commettere qualche errore. E’ capitato anche a me, ai tempi della Juventus. Ma poi mi chiamava a rapporto Giampiero Boniperti ed erano dolori. Ho pagato fior di multe. Ma alla fine ho capito la lezione. Sono diventato un uomo. Zaniolo deve trovare un Boniperti che lo aiuti a crescere. Inoltre non sono convinto che sia un esterno. Lo vedo più a sua agio nel ruolo di mezzala”.

Nella Roma ci si aspetta molto da Under.
Un giocatore interessante. Io, però, mi aspettavo molto di più dal figlio di Kluivert. Alla fine del prossimo campionato capiremo quanto vale veramente Kluivert. Sulla carta lui ha tutto per essere un giocatore top“.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa