Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Amra Dzeko: “Pronta per l’Inter ma Roma è casa nostra”

Parla la moglie di Edin Dzeko, Amra, al termine di un’estate particolare

Sembrava tutto fatto per il passaggio di Dzeko all’Inter, poi la trattativa non è decollata e la Roma è tornata sotto al bosniaco, corteggiandolo e convincendolo a firmare il rinnovo. Come racconta la moglie Amra, poco prima della firma, il bosniaco l’ha chiamata: “Edin mi ha chiamato dopo il tappeto rosso del Sarajevo Film Festival. Stava per firmare e rinnovare il contratto. Volevo ascoltare tutto di persona, motivo per cui non sono nemmeno riuscita a vedere il film. È stato quello il momento in cui ho saputo la grande notizia. E ne sono contenta”.

Amra Dzeko racconta anche come lei e la famiglia sentano Roma come casa loro: “Per me andava bene anche l’Inter, oltre naturalmente alla Roma, siamo sempre pronti per una nuova avventura, ma devo ammettere che sono particolarmente contenta che siamo stati a Roma. È casa nostra, sono nati i nostri due bambini, i tifosi sono sempre carini e la città è bella. Sono riuscita ad organizzare la mia vita e mi posso dedicare alle mie attività facilmente, in un’altra città sarebbe stato più complicato”.

Non vedevo l’ora di tornare a casa e tirare un sospiro di sollievo. Sono stati mesi di grande stress. Abbiamo lavorato duramente e Edin ha sopportato tutto questo con tanta professionalità e rispetto per tutti. Fa quello che sa fare meglio, si è dedicato all’allenamento e a se stesso. Come se nulla stesse accadendo intorno a lui, e neanche noi in casa ci sentivamo nervosi. È un professionista in tutti i sensi, adora il calcio, vive per questo e ha sopportato tutto. Ma adesso è tutto finito, ora restiamo a casa”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra