Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Derby, pareggio show con 4 pali e 2 traverse

Due legni colpiti dalla Roma e quattro dalla Lazio

Quattro pali, due traverse, gioco offensivo, velocità e ribaltamenti tattici, un lungo romanzo in 90′ che il rigore di Kolarov e il gol di Luis Alberto faticano a spiegare. Finisce 1-1 ma poteva essere una goleada, si aspettavano tutti una Roma sbilanciata e a rischio contropiede, ma il pareggio con il Genoa deve aver suggerito a Fonseca di rinnegare per una serata i suoi principi. Così è la Lazio a fare la partita che ci si aspettava dai giallorossi, realizzando più di 20 tiri verso la porta. Zaniolo è autore delle due occasioni pericolose, ma troppi sono sotto standard, da Under alla coppia di centrali Pellegrini-Cristante che fatica a convivere. Il risultato è poco filtro e libertà di tiro e manovra per i trequartisti laziali. Zaniolo rimpiange i due pali ma la conta per i biancocelesti è surreale: 2 pali per Leiva e Correa e due traverse, Immobile e Parolo. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa