Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

La Roma in Nazionale: minutaggio e gol dei giallorossi in giro per l’Europa

Il punto sui giocatori della Roma che hanno preso parte alle gare delle Nazionali in questa settimana di pausa dagli impegni del club

Tempo di Nazionali, anche per gli uomini di Paulo Fonseca. Durante la pausa sono stati molti i romanisti chiamati a prendere parte agli impegni delle loro Nazionali, precisamente 10.

ITALIA: Pellegrini, Florenzi e Mancini – Dei tre romanisti chiamati dal ct Mancini, chi ha brillato di più è stato sicuramente Lorenzo Pellegrini: il centrocampista ha trovato il suo primo gol nella trasferta contro l’Armenia, mentre ieri ha disputato tutti i 90′ minuti della gara contro la Finlandia. Buone prestazioni sono arrivate anche da Alessandro Florenzi: il terzino ha disputato la prima gara da titolare, mentre nella trasferta di Tampere è subentrato al 8′ minuto del primo tempo a causa dell’infortunio di Emerson Palmieri. Solo panchina per il giovane Gianluca Mancini.

ITALIA UNDER 21: Zaniolo – Il giovane gioiellino della Roma non è stato convocato dalla Nazionale maggiore a causa di alcuni motivi disciplinari, che hanno interessato anche Moise Kean. Questa sera gli azzurrini sono chiamati a scendere in campo nella prima sfida per la qualificazione a Euro 2021, contro il Lussemburgo. Probabile partenza da titolare per Zaniolo, che ha preso parte anche all’amichevole contro la Moldavia, terminata 4-0 per l’Italia.

ARMENIA: Mkhitaryan – In patria è considerato un eroe, e giustamente: il nuovo acquisto della Roma si è reso protagonista in queste due gare valide per la qualificazione agli Europei del 2020. Ottima prova nella sfida contro l’Italia, nonostante la sconfitta, uomo partita nella vittoria contro la Bosnia: il capitano armeno ha infatti messo a segno due reti, confezionando anche un assist.

BOSNIA: Dzeko – Atteso dalla sfida contro il Liechtenstein e dal derby giallorosso contro l’Armenia, il bomber giallorosso ha sì trovato la via del gol in entrambe le gare, ma non è riuscito ad evitare la sconfitta contro la Nazionale di Mkhitaryan. Dopo la gara il ct Prosinecki si è dimesso dal suo ruolo, lasciando la Bosnia in bruttissime acque in chiave qualificazione.

SERBIA: Kolarov – La Nazionale di Aleksandar Kolarov non ha brillato nella prima gara di questa giornata di qualificazioni: la presenza del terzino giallorosso, capitano della Serbia, per tutti i 90 minuti, non ha evitato la sconfitta per 4-2 contro il Portogallo. C’è attesa per la gara di domani sera contro il Lussemburgo, che può riaprire il discorso qualificazione.

SPAGNA: Pau Lopez – La Nazionale spagnola vola, ma non certo grazie al portiere giallorosso, rimasto in panchina sia contro la Romania che contro le Isole Faroe.

TURCHIA: Under – La chiamata alle armi delle Nazionali, si sa, è sempre un rischio. Stavolta a pagarne le conseguenze è stato il giovane Cengiz Under, infortunatosi durante il ritiro con la Turchia. L’esterno non ha potuto prendere parte alla gara contro Andorra (vinta dalla Turchia per 1-0), ma è dovuto subito tornare a Roma per iniziare le terapie.

OLANDA: Kluivert – La nazionale olandese vince e convince contro la Germania: gli Orange hanno infatti portato a casa la vittoria con un sonoro 2-4. Niente da fare per il giovane Justin Kluivert: l’esterno giallorosso ha assistito al match dalla panchina. Stasera l’ultimo impegno di questa pausa contro l’Estonia. Vedremo il giovane giallorosso in campo?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus