Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mirante: “In alcuni momenti non siamo stati lucidi”

Il portiere giallorosso: “Non siamo stati bravi a trovare le linee e a cambiare gioco. Questo ci ha penalizzato perché loro ci rubavano palla in uscita”

Antonio Mirante, portiere della Roma, è stato intervistato durante il post-partita di Wolfsberger-Roma 1-1. Queste le sue parole:

MIRANTE A ROMA TV

Stasera non sei stato particolarmente impegnato. Però una bella parata nel primo tempo, bisogna sempre farsi trovare pronti…
E’ l’emblema di tutti. Ultimamente stiamo giocando ogni 3 giorni, è impensabile far giocare sempre gli stessi. Ci tenevamo a vincere, sarebbe stato un colpo importante. Però questa è una buona squadra, in alcuni momenti non siamo stati lucidi. Abbiamo una partita importante domenica, dobbiamo recuperare le energie.

Vi aspettavate un Wolfsberger così aggressivo?
Ci aspettavamo una squadra che stava bene fisicamente, non lo abbiamo sottovalutato. Non siamo stati bravi a trovare le linee e a cambiare gioco. Questo ci ha penalizzato perché loro ci rubavano palla in uscita e diventavano pericolosi. Abbiamo avuto tante occasioni nonostante questo, se facciamo le cose che ci chiede il mister possiamo arrivare lontano.

MIRANTE IN ZONA MISTA

“Ci aspettavamo una squadra aggressiva, va dato merito anche a loro. Pensavamo di aver trovato le soluzioni nel primo tempo e abbiamo avuto tante volte la palla giusta per fare gol. Nel secondo tempo abbiamo perso tante palle in uscita, dobbiamo lavorare perché poi le altre squadre prendono coraggio. Dovevamo muoverci più insieme e prendere le scelte giuste, dando soluzioni aiutando chi ha palla. Miglioramenti nella fase difensiva? La squadra doveva assimilare alcuni concetti, a livello difensivo ci siamo e questo ci fa ben sperare, la compattezza è importante. Il mister non parla a fine partita, ci piace giocare come chiede lui ma sicuramente bisogna fare di più. Gol imparabile? L’ho anche sfiorata, ha fatto un bel tiro ma credo il rimbalzo lo abbia favorito. Credo comunque che avremmo dovuto chiuderla prima”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra