Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sadiq: “Devo la carriera a Sabatini. Totti un campione vero, giocare a Roma sarebbe un sogno”

Le parole dell’attaccante classe 1997

Umar Sadiq, attaccante nigeriano del Partizan Belgrado di proprietà della Roma, ha parlato ai microfoni di Gazzetta.it:

Come ti trovi al Partizan?
“Sto benissimo, ho trovato la continuità che mi mancava, serviva un po’ di fiducia”.

Il rapporto con Sabatini?
“A Roma Sabatini stravedeva per me…. Quando lo incontrai per la prima volta era nervoso, la Roma aveva perso, mi strinse la mano e mi salutò. Stop. Poi il giorno dopo andai da lui e iniziammo a parlare, abbiamo un buon rapporto. Lui e Ricky Massara avevano molta fiducia in me, ogni volta che sbagliavo qualcosa a livello caratteriale Sabatini si arrabbiava e mi sgridava. Gli devo la carriera, queste persone resteranno sempre nel mio cuore”.

Cosa ricordi del tuo esordio contro il Bologna?
“Ricordo la faccia di De Rossi, incazzatissimo, stavamo perdendo. Mi guarda e fa ‘oh, dobbiamo annientarli! Forza!’. C’erano Pjanic, Salah, Dzeko, Nainggolan, il primo gol è stato magico”.

E del primo gol?
“Segno, corro e abbraccio Garcia, prima delle partite veniva sempre in camera mia per incoraggiarmi. ‘Umar, sei forte’, mi diceva, ‘Se segni tanta roba, se non segni va bene lo stesso’. Tutt’ora ci sentiamo spesso, andai a trovarlo quando allenava il Marsiglia”.

Come descriveresti Totti?
“Umile, sincero, scherzava sempre, anche con i più giovani. Una persona vera, difficile trovare gente come lui nel calcio. Sai, magari uno del suo livello, in altre circostanze, non avrebbe perso tempo a parlare coi giovani, invece lo faceva. Un campione vero”.

Il derby è più caldo a Roma o a Belgrado?
“A Roma se ne parla tutto l’anno, è vero, ma qui il biglietto è già introvabile dopo che esce il calendario. Il tifo è caldissimo, pensa che non riuscivo neanche a sentire i miei compagni in campo quando chiamavano il pallone”.

Il futuro?
“In pochi mi hanno dato l’opportunità di far vedere ciò che sono. Datemi una chance, come ha fatto Garcia, e vi faccio vedere io cosa posso fare. Giocare a Roma sarebbe un sogno, vediamo. L’importante è continuare a segnare come sto facendo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News