Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Villani (membro CTS): “Serie A rinviata? I calciatori dovrebbero tutelare meglio la propria salute”

“Attendevamo un aumento dei contagi, ma l’inizio della scuola non è a rischio”

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, Alberto Villani, membro del CTS e direttore del dipartimento emergenza del Bambino Gesù, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni…

C’è stato un aumento di contagi negli ultimi dieci giorni.

“Aumento atteso, i comportamenti delle settimane precedenti lasciavano presagire quanto sta accadendo. Siamo sempre all’interno di una pandemia, ci sono Paesi che non hanno saputo prendere provvedimenti con misure di contenimento. Bisogna lavarsi le mani, stare a distanza, indossare la mascherina, se non lo si fa si rischia, non bisogna abbassare la guardia. E’ un campanello d’allarme, ma al momento la situazione non è cosi drammatica”.

I recenti dati parlano anche di molti contagi tra i giovani e tra i bambini.

“Per i bambini si è chiuso immediatamente la scuola a marzo: fu una scelta criticata, ma anche ha portato i frutti sperati. Adesso si è tornato ad avere una socialità e bisogna essere responsabili, perchè anche i più piccoli possono essere coinvolti”.

Esiste il rischio di un rinvio dell’apertura delle scuole?

“Può esserci un rischio, ma solo se si continuasse a non rispettare le regole. La mascherina è una privazione di libertà? Chi la pensa così, andasse in quei Paesi che stanno vivendo un momento drammatico, come il Brasile”.

Come si fa a garantire il distanziamento nelle scuole?

“Il problema è relativo alle scuole, non ai ragazzi. Non è possibile che ci siano più locali a ricevere i nostri ragazzi, il virus sta mettendo a nudo vecchi problemi che ci stiamo portando dietro da tanti anni”.

Gli asintomatici sono pericolosi e, se si, in che maniera?

“La malattia nasce dall’aggressività del germe e le condizione dell’organismo che viene aggredito. Il diffondersi del virus è chiaro che porterà ad un contagio importante, ma credo che in ogni caso sia fondamentale rispettare le misure di contenimento che conosciamo e che abbiamo ripetuto in precedenza”.

Il campionato rischia di non partire il 19?

“Difficile rispondere, ma anche il calciatore deve tutelare la propria salute. Non ci si deve esporre a rischi, i giocatori dovrebbero perfezionare un codice di comportamento. Con questo virus non si scherza”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News