Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Saltano il team manager e Zubiria, adesso fa paura anche l’inverno “nero”

Costa cara la sconfitta con lo Spezia al team manager giallorosso

Non si può fingere che non sia successo nulla, ma la decisione della società è stata quella di non far esplodere il caso fuori da Trigoria. È il modus operandi della famiglia Friedkin e, anche se molti tifosi vorrebbero una proprietà più “interventista”, non è stata fatta un’eccezione neppure in questo momento di profonda crisi. Questo non significa che chi ha sbagliato non pagherà. Nell’immediato, il team manager Gianluca Gombar  e il Global sport officer Manolo Zubiria, che sono stati sollevati dai loro incarichi.

La squadra, in vista del match di sabato, ancora all’Olimpico e ancora contro lo Spezia, ma questa volta in campionato, ha svolto sul campo il lavoro di scarico post partita. Guardando alla passata stagione, però, c’è un motivo di preoccupazione in più. L’inverno, nel campionato scorso, è stato freddissimo riguardo ai risultati.

A gennaio: sconfitte in campionato contro Torino e Juventus, eliminazione nei quarti di Coppa Italia sempre contro i bianconeri, pareggio con la Lazio e vittoria contro il Genoa. A febbraio il definitivo naufragio: tre sconfitte di fila contro Sassuolo, Bologna e Atalanta tra il 1 e 15 febbraio. Il 2021 si era aperto bene, con la doppia vittoria contro Samp (1-0) e Crotone (3-1), poi sono arrivati il sofferto pareggio con l’Inter (2-2) e i due k.o. contro Lazio e Spezia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa