Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Benevento-Roma 0-0: Edin + Borja, zero gol con l’uomo in più. Le pagelle di Mimmo Ferretti

I giallorossi si fermano al Vigorito

PAU LOPEZ  6

Elegante ed efficace gestione delle cose da fare, nella prima frazione. Inoperoso nella ripresa.

FAZIO  4,5

All’esordio in campionato (sì, esordio in campionato…), l’argentino si piazza sul centro-destra della difesa a tre e dimostra di essere molto arrugginito. E falloso.

MANCINI  6

Giostra da centrale dei tre centrali e deve battagliare con Lapadula. Va via di esperienza e mestiere.

SPINAZZOLA  6+

Centrale di sinistra in partenza per mancanza di avversari, appena può scappa sulla corsia di sinistra. Nella ripresa lo fa quasi stabilmente, dopo il cambio di modulo. 

KARSDORP  5

Ha spazio per andare in avanti ma i compagni, almeno nel primo tempo, lo vedono poco. E lui si fa vedere poco. Idem nella ripresa fino al cambio.

VILLAR 5,5

Il Benevento non gli lascia tempo per pensare, deve sbrigarsela spesso con un tocco e via trovando di frequente un muro davanti a sé. E non brilla come in passato.

VERETOUT  5

In avvio gioca un po’ troppo sulla destra, poi si stabilisce al centro dove – però – c’è un grande traffico. Sembra stanco. Non la sua miglior partita con la maglia della Roma. Esce per far spazio a Dzeko.

BRUNO PERES  4,5

Esterno di sinistra, il brasiliano troppe volte non osa l’affondo e preferisce passare il pallone all’indietro. Toppa quasi tutte le scelte e la misura della giocata, anche dall’altra parte del campo.

MKHITARYAN   5,5

Quasi marcato a uomo, fatica a trovare lo spazio per poter mettere in moto le sue leve. Quando ci riesce, becca un sacco di calci. Fa espellere Glik (doppio giallo), se non altro.

PELLEGRINI 5

Lezioso, talvolta in maniera inspiegabile, se non altro è l’unico che nel primo tempo impegna Montipò con un sinistro dal limite. Caldirola nel recupero gli stoppa il gol sulla linea.

BORJA MAYORAL 4,5

Sta poco dentro la partita, anche per colpe sue. I compagni lo cercano con palloni spesso intrattabile, al resto ci pensa lui in negativo. Con Dzeko accanto, non la tocca mai.

DZEKO  5

Al posto di Veretout dopo il rosso a Glik e, quindi, in tandem con Borja Mayoral. Solo un colpo di testa centrale.

PEDRO  5

Al posto di Karsdorp, esterno anche lui ma più alto dell’olandese. Contributo scarso. 

JESUS  SV

Per Fazio, che era ammonito. 

EL SHAARAWY  SV

Rileva Micki nel finale. Rimedia un calcio di rigore mai assegnato.

FONSECA 5

Cambia in corsa idea di gioco ma non trova la soluzione giusta, ci prova anche con i due centravanti il gol però non arriva. Troppa confusione a centrocampo e davanti. Due punti gettati al vento, con l’uomo in più.

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti