Resta in contatto

Rassegna Stampa

Addio allo stadio a Tor di Valle

Termina la corsa del progetto a Tor di Valle

La Roma abbandona il progetto Stadio a Tor di Valle. La decisione è stata assunta ieri, durante una seduta del CdA della società giallorossa, subito comunicato al presidente della Regione Zingaretti e al sindaco Raggi. Nella relazione semestrale diffusa nel pomeriggio viene spiegato che “Sulla base degli approfondimenti condotti da advisor finanziari, notarili e legali, la Roma ritiene che non sussistano più i presupposti per confermare l’interesse all’utilizzo dello stadio da realizzarsi nell’ambito dell’attuale progetto relativo all’area di Tor di Valle, essendo divenuto di impossibile esecuzione“.

Gli elementi su cui si era incentrata la riflessione dei Friedkin sono sempre gli stessi: eccessive cubature degli uffici, non più sostenibili alla luce del Covid ed eccessivo peso delle opere pubbliche. A questo punto si è poi aggiunto il caos della situazione di Parnasi, con i pignoramenti sui terreni sui quali doveva sorgere lo Stadio. L’architettura di mobilità che la Raggi ha creato ha finito per generare un mostro, con le opere troppo care e insufficienti a garantire il regolare afflusso e deflusso allo Stadio.

Sulla nota si legge: “Il Consiglio d’Amministrazione ha constatato che anche la pandemia ha radicalmente modificato lo scenario economico internazionale, comprese le prospettive finanziarie dell’attuale progetto stadio“. Si azzera tutto, con una nuova area da identificare e un nuovo progetto, che la Roma vuole centrato sullo stadio senza altre opere intorno. Visto che la decisione è stata assunta autonomamente dalla società, nessun risarcimento è possibile.

Il Campidoglio ha diffuso una nota in cui prendeva atto della decisone della Roma, rassicurando i cittadini che le opere pubbliche previste verranno portate avanti dall’Amministrazione capitolina. Per inciso, ora il Comune dovrà pagare nove milioni di euro alla Regione per realizzare sulla Roma-Lido le opere inizialmente a carico della Roma. Se ne va un progetto del valore di 800 milioni di euro. “Sto malissimo per Roma e per la Roma” ha commentato l’ex presidente Pallotta. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Fulvio
Fulvio
1 mese fa

PROPRIO PERCHE’ STA MALE LUI, IO STO BENISSIMO!!! Dopo anni ha finalmente vinto la saggezza ma sopratutto, essendo i nuovi proprietari comunque uomini d’affari, la sicurezza che per loro non avrebbe rappresentato un buon businness. Per la citta’ sarebbe stata una inutile colata di cemento e l’ennesima cattedrale nel deserto e per la Roma, in ogni caso, essendone non la proprietaria ma solo l’utilizzatrice, avrebbe rappresentato solo il costo dell’affitto annuale, lo stesso che paga per giocare in uno stadio che – vi ricordo – è stato teatro di due scudetti e- vi faccio notare – si trova al centro… Leggi il resto »

Advertisement

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Grande Principe. Anche se alcuni ignoranti non hanno capito sei stato un grande capitano"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "Magara!!!!"

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Grande uomo, grande calciatore, spero veramente di conoscerlo un giorno per ringraziarlo. Grazie di tutto capitano 💛❤️"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Nostalgia assoluta per quello che ha fatto per la società, per la squadra ed anche, per me soprattutto, per noi tifosi, ci ha insegnato molto. Non..."

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Agostino DIBBBA il capitano di quando ero bambino..il primo capitano che ho visto allo stadio !!forse per questo ho un ricordo speciale!!!assurdo come..."
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa