Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Esuberi ribelli: Nzonzi può ancora andare via

Nzonzi

Un cruccio in una parola abusata e antipatica: esuberi. Tiago Pinto non è riuscito a sistemare FazioNzonziSanton e Riccardi

Un cruccio in una parola abusata e antipatica: esuberi. Tiago Pinto non è riuscito a sistemare FazioNzonziSanton e Riccardi, per un totale di 14 milioni lordi di stipendi che restano sul petto dei Friedkin.

Ma non è detta l’ultima parola, specie per Nzonzi: “Ci sono ancora dei mercati aperti, cercheremo una soluzione che li accontenti. Io posso solo dire che la Roma ha fatto il massimo, portando loro offerte degne. Nessuno avrebbe perso un euro se fosse andato via. Ma detto ciò, non posso entrare nella testa delle persone. E mi sento di ringraziare chi ha compreso la nostre difficoltà e ci ha aiutati, accettando di giocare in posti dove non avrebbero mai pensato di andare“. L’ultimo è stato Robin Olsen, che ha accettato lo Sheffield United all’ultimo giorno di trattative.

Nzonzi invece ha rifiutato il Benfica e poi alcune offerte al Qatar. Sembra che il padre abbia chiesto un aumento salariale per lasciare la Roma con un anno d’anticipo. Santon non ha accettato la Salernitana e il FulhamFazio ha detto no a ParmaCagliari e Genoa, oltre al Cadice e all’Alaves, in varie sessioni di mercato. E adesso minaccia un’azione legale per essere reintegrato. 

Da questo punto di vista Tiago Pinto si dice tranquillo: “Sono qui e sono disposto a prendermi tutte le responsabilità. Credo di aver rispettato tutti i calciatori e le loro decisioni. Detto ciò, non cambio idea: abbiamo creato il nostro gruppo squadra e quello rimarrà. Poi se non piazzeremo qualcuno vedremo“.

Lo scrive Il Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa