Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Napoli 0-0: rammarico giallorosso

La Roma trova il primo pareggio stagionale

RUI PATRICIO  6

Inoperoso, viene impegnato solo da Elmas nella ripresa. Esce bene su Politano, viene salvato dal palo.

KARSDORP 6,5

Grinta, intensità e attenzione tattica: l’orange torna a fornire una prestazione importante. Regala un pallone al bacio per Pellegrini.

MANCINI 7

Guerriero, nemmeno un impatto mostruoso con il palo lo ferma. Sfiora il gol vittoria nella ripresa.

IBANEZ  7

L’attaccante più forte del campionato arginato dai suoi anticipi e dalle sue accelerazioni.

VINA  6,5

Gara di garra, di sofferenza e di tante cose buone.

CRISTANTE  7

Sontuoso, in mezzo al campo fa tutto. Recupera un pallone dai piedi di Zielinski e manda in porta Abraham: manca solo il gol dell’inglese.

VERETOUT  6,5

Una prestazione importante e di personalità, tanti strappi e ripartenze.

Zaniolo

ZANIOLO 6,5

Ogni volta che prende il pallone, l’Olimpico trattiene il fiato: con lui qualcosa può sempre accadere. Mario Rui con lui va sempre in difficoltà, gli manca solo lo spunto per far male.

PELLEGRINI 6

Frettoloso nel primo tempo, battagliero nel secondo: può fare tanto di più, sfiora un gol magistrale in girata volante.

MKHITARYAN 5

Fuori contesto, sia tecnico che tattico. Non lotta e non gioca con la stessa intensità dei compagni. Sta diventando un caso.

ABRAHAM  6

Una buona prestazione, fatta di colpi di testa, strappi e giocate. Ma si divora il gol del vantaggio da solo davanti a Ospina.

EL SHAARAWY  6

Qualche dribbling e rincorsa sull’avversario.

SHOMURODOV  SV

Entra nel finale, non ha tempo di incidere.

MOURINHO  7

Giorni tesi, di parole e decisioni forti, che avrebbe fatto vacillare chiunque: non Mourinho. La “sua” Roma gioca, lotta e convince, ferma la corsa dell’inarrestabile Napoli di Spallettone.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma