Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Aurier: “Amo Mou perché ti ascolta. Al Tottenham il problema fu Sacramento”

Il terzino ex Tottenham rivela alcuni retroscena su Mourinho e Joao Sacramento nella loro stagione agli Spurs

Serge Aurier, terzino del Villareal, ha rilasciato un’intervista a Telegraph Sport, in cui ricorda il periodo al Tottenham ed in particolare la stagione con Josè Mourinho in panchina. Secondo il giocatore, il vero problema quell’anno non fu lo Special One, che ammira moltissimo, ma il suo assistente Joao Sacramento. Ecco le sue parole:

“Talvolta i giocatori hanno bisogno di maggior affetto e attenzioni. Non sto parlando di Josè. Sto parlando del suo assistente. Sacramento non ha un grande rapporto con lo spogliatoio e questo è il motivo per cui la situazione deteriorò. C’era un problema di mancanza di comunicazione.

Per lui era una delle prime esperienze in una prima squadra e difettò di serenità con i giocatori. Avrebbe dovuto essere più interessato alla persona che si nasconde dietro un giocatore. Spesso, quando non giochi molte partite hai bisogno di qualcuno che ti calmi e ti aiuti, che ti dia buone sensazioni, non qualcuno che ti trasmetta messaggi negativi. Penso che sia tutto cominciato così.

Un giorno ho discusso con Mourinho riguardo ad una questione tattica. Io non ero d’accordo con la sue sue scelte e andai a parlargli nel suo ufficio. Sapevo che potevo parlare con lui senza alcun problema perchè da la sensazione ai giocatori di essere una persona onesta. Il giorno dopo la questione era risolta.

Amo Mourinho perchè ti ascolta e ti dice ciò che pensa. A volte lo odi e vorresti ucciderlo, ma poi lo ami perchè il suo carattere è quello di uno nato per vincere e io mi identifico molto in lui. Non ho nulla contro di lui”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News