Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho ai tifosi: “Non basta guardare, dovete giocarla con noi”

L’appello dello Special One alla vigilia

Non venite allo stadio per guardare la partita, venite per giocarla“. E’ l’appello di José Mourinho, la dolce richiesta di aiuto alla tifoseria giallorossa per la sfida di stasera all’Olimpico. Mou sa bene che partite di questo peso specifico si vincono anche con il tifo, l’entusiasmo e la pressione. “Disputiamo una finale, una delle ultime partite della stagione nel nostro stadio. Mi piacerebbe che i tifosi giocassero con noi. Si può stare allo stadio come spettatori o per giocare: nel primo caso per noi il risultato è nullo, nel secondo è diverso. Contro il Bodo li abbiamo sentiti e abbiamo giocato 11 contro 11, con il Bologna invece no, solo qualcuno in Curva Sud, ma il resto dello stadio non ha giocato con noi“.

Se domani i tifosi vogliono fare la differenza dovranno giocare con noi“. Lo stadio sarà pienissimo, quasi 65mila persone per per il 14esimo sold out della stagione romanista. Prima della partita Mourinho ricambierà il regalo che Brednan Rodgers gli ha fatto all’andata, una bottiglia di vino portoghese da circa 535 euro. “Gli ho comprato un regalo carino, ma se Brednan vuole il tè lo tengo per me e gli regalo il tè” ha detto Mou, riferendosi all’allenatore delle Foxes che aveva detto: “Cosa mi aspetto? Una tazza di tè, non sono un grande bevitore. E comunque José non ha bisogno di ricambiare, il mio è stato un gesto di rispetto“. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa