Resta in contatto

Rassegna Stampa

Wijnaldum cresce ma parte in panchina

La sua condizione cresce, ma a Salerno partirà dalla panchina

Wijnaldum parte dalla panchina. Nella gara di esordio a Salerno non sarà titolare, ma la condizione dell’olandese cresce ed è sempre tra i primi in allenamento. Si è subito integrato nel gruppo, pubblica spesso sui social immagini con la maglia della Roma e ieri ha festeggiato la vittoria della sua squadra nella partitella insieme ad El Shaarawy, Ibanez, Spinazzola e Felix. In pochi giorni è rimasto conquistato dalla Roma. La presentazione di domenica e i primi allenamenti con i compagni lo hanno convinto di aver fatto la scelta migliore. Si è anche emozionato davanti a così tanta passione, con il coro che gli hanno dedicato i tifosi, entusiasti per il suo arrivo.

Semplicemente incredibile! Grazie mille per l’accoglienza straordinaria, sono molto orgoglioso e felice di giocare in questo club meraviglioso con tifosi così straordinari!” ha scritto l’olandese su Twitter. Tiago Pinto ha lavorato molto per portarlo a Roma e lo considera il giocatore ideale per la squadra di Mourinho. Il centrocampista è pronto per affrontare la sua nuova avventura, ma dal punto di vista atletico sta lavorando per raggiungere il 100%. Nella Roma si conquisterà il posto in fretta, nelle idee di Mourinho c’è un centrocampo con tanta qualità formato dall’olandese e Pellegrini, con Dybala, Zaniolo e Abraham davanti a lui.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa