Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma sciupona, l’Atalanta vola alto

I nerazzurri si prendono i 3 punti all’Olimpico

La differenza la fa Dybala. Una fitta al flessore della coscia sinistra costringe l’argentino ad arrendersi in pieno riscaldamento, a mezz’ora dall’inizio del match. Per la Roma è un’assenza che pesa come una montagna perché in questo momento la Joya è il finalizzatore più affidabile, l’uomo che sa spaccare le partite. Gli sprechi giallorossi consentono così a un’Atalanta cinica e tignosa di violare l’Olimpico e di confermarsi in vetta alla classifica. A decidere è un gol giovanissimo, stramillennial visto che i due protagonisti sono nati nel 2003: il danese Hojlund esce dall’isolamento e dalla solitudine di una partita con poche opportunità e incarta un assist da applausi da destra, il suo coetaneo Scalvini trova un buco che gli consente addirittura di prepararsi la conclusione e di infilare con precisione chirurgica proprio l’angolino alla sinistra di Rui Patricio.

Ed è proprio nella fase finale del primo tempo, a gol appena subito, che c’è il momento migliore della Roma. Che sciupa almeno tre occasioni d’oro in un pugno di minuti. Soprattutto la prima con Abraham che spreca a lato praticamente a tu per tu con Sportiello, entrato quasi subito per l’infortunio a Musso (rottura dello zigomo in uno scontro aereo con il compagno di squadra Demiral). Proprio il portiere subentrato si supera a distanza ravvicinata sul lanciatissimo Ibanez e ancora su Abraham imbeccato da Matic. Nella ripresa Gasperini conferma l’approccio più pragmatico, scegliendo una formula che preferisce la concretezza alla bellezza. Così mentre la Roma continua a collezionare occasioni, c’è anche una possibilità al quarto d’ora della ripresa, con Abraham che salva su Pasalic evitando l’autogol di Celik. Nel frattempo la Roma continua a pressare, ma l’Atalanta spezza, lotta, è brava ad allontanare i pericoli.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa