Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Huijsen: “Mi trovo molto bene con De Rossi. A Frosinone esultanza alla CR7 per scommessa”

Il difensore giallorosso Dean Huijsen ha rilasciato un'intervista a Marca ed ha spiegato il motivo della sua esultanza alla CR7 a Frosinone

Al termine di questa stagione, molto probabilmente, Dean Huijsen tornerà alla Juventus e non farà ritorno a Trigoria. Intanto, il giovane classe 2005 si sta ritagliando il suo spazio meritato a suon di prestazioni. L’olandese naturalizzato spagnolo ha rilasciato un’intervista a Marca, ecco le sue parole.

Ha giocato nell’Olanda, è il più piccolo dell’Under 21, è alto quasi due metri ed è cresciuto a Malaga. Non dica che non è strano.

“Sì, ma mi sento molto spagnolo, davvero. Sono molto felice di far parte di questa Nazionale, dato che sono cresciuto a Malaga da quando avevo cinque anni”.

Il suo accento andaluso lo denota, senza dubbio.

“Sì, ho trascorso molto tempo lì e tengo sempre d’occhio Málaga. Ho trascorso l’estate a Marbella e mi sento molto identificato con la Spagna”.

Tanto che il cibo spagnolo arriva anche in Italia. No?

“Mi piace prendere delle noccioline di Mercadona da mangiare a Roma (ride, ndr)”.

È un difensore centrale tecnico, con un ottimo lancio, e questo si adatta bene alla Roja. Dove ha acquisito questa abilità?

“Da quando ero piccolo. All’inizio, quando avevo cinque anni, ho iniziato come attaccante, ma poi ho cominciato a giocare come difensore centrale, e sono sempre stato bravo a partire pulito con la palla”.

È curioso, perché essendo cresciuto in Spagna ha avuto l’opportunità di firmare per il Real Madrid o il Barça, ma alla fine ha deciso per la Juventus. Perché?

Perché allora credevo che l’Italia mi avrebbe dato più cose in termini di apprendimento. Avevo già imparato a giocare la palla, ma era più complicato contrastare gli attaccanti, l’aspetto tattico. Ed effettivamente la Serie A mi sta dando quelle cose per rendermi un giocatore migliore, anche se devo ancora imparare molto”.

È successo qualcosa di incredibile in questa stagione. Era alla Juventus, José Mourinho l’ha chiamata ed è andato alla Roma. E poche settimane dopo, Mou è stato esonerato.

“Sì, è stato così. Mourinho mi ha sempre trattato bene, ma anche Daniele De Rossi è incredibile. Si prende molta cura di me, è una persona fantastica e mi trovo bene con lui”.

 Chi ammirava come difensore centrale?
“Sergio Ramos. È una persona a cui chiederei consigli, oltre a chiedere una foto (ride, ndr).

Adesso sta facendo bene in Serie A. Tra quanto tempo nella Liga?

“Non lo so. Nel calcio non si sa mai e adesso sto bene dove sono”.

Ha diverse cose curiose, ad esempio gioca con i calzini bassi, raro per un centrale.

“Sì, fin da quando ero piccolo. Non so perché, ma ho sempre fatto così. Non esiste una ragione speciale”.

In quella partita contro il Frosinone ha festeggiato il ​​gol imitando Cristiano Ronaldo. Perché lo ammira?

“Il giorno prima stavo giocando alla play con un amico e ho detto che se avessi segnato un gol avrei festeggiato così. Così è stato”.

Come si è sentito l’altro giorno al debutto con la Spagna?

Abbastanza bene, abbiamo un ottimo gruppo, dentro e fuori dal campo, e mi sono sempre sentito molto integrato”.

Cosa sogna di fare con la Spagna?

“Sogno di vincere un titolo con la Roja e anche a livello di club, senza dubbio”.

Si vede presto nella Nazionale maggiore spagnola?

“Sì, sono giovane, ma un giorno mi vedo lì. Ho 18 anni e ho molta strada da fare, ma lavoro per realizzarlo ogni giorno”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Lukaku / Milan-Roma
Le possibili scelte di De Rossi per la sfida di domenica, ore 18:00, contro i bianconeri...
AS Roma
La Roma di De Rossi è arrivata a Trieste e fra poco si dirigerà verso...
Il Monza ha risposto via social a mister Daniele De Rossi, che ha ringraziato i...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie