Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’Edicola, Natale a Trigoria per i ragazzi di Di Francesco. Il futuro passa per Sassuolo e Parma

Pochi giorni nei quali la Roma e Di Francesco scriveranno il loro stesso futuro. Tutto passa per Sassuolo e Parma

Buone notizie per la Roma in vista del match con il Sassuolo. In attacco torna Edin Dzeko e considerando la moria di gol di Schick e compagni, i giallorossi non possono che sorridere rivedendo il bosniaco al centro dell’attacco. Se da una parte Di Francesco tira un sospiro di sollievo, dall’altra non c’è ancora pace per il tecnico, infatti il suo futuro si deciderà probabilmente proprio in questi giorni. Prima il match con il Sassuolo e poi l’ultimo dell’anno 2018, contro il Parma, stabiliranno se nel 2019 sulla panchina dei giallorossi ci sarà ancora l’ex Sassuolo. Pallotta da Boston riflette ed osserva. Contro i neroverdi ancora assente De Rossi che sarà presente come punto di riferimento in panchina, pronto a caricare i compagni. Un passo falso non sarebbe ben visto, soprattutto in considerazione del fatto che in pochi punti ci sono ben otto squadre che lottano per i piazzamenti europei. Anche per questa ragione la Roma si allenerà senza sosta sia questa mattina sia domani, il giorno di Natale, sui campi di Trigoria. Sul fronte mercato si fanno sempre più forti le voci che vorrebbero Patrik Schick lontano da Roma. In questo caso la squadra capitolina virerebbe su Michy Batshuayi, in uscita dal Chelsea. E’ inoltre notizia di poche ora fa il passaggio di Kostas Manolas sotto la procura di Mino Raiola; sul greco c’è l’interessamento del Manchester United ma ciononostante il ragazzo vorrebbe prolungare il proprio contratto in essere con la Roma, divenendo un punto di riferimento anche al livello contrattuale otre che sul campo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa