Resta in contatto

Rassegna Stampa

CorSport, “Nesta: «Non è Roma senza Totti»”

Alessandro Nesta, ex giocatore di Lazio e Milan, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport, nella quale ha parlato dell’addio di Totti alla Roma. Queste le sue parole:

Nesta, si aspettava questo clamoroso divorzio? Francesco fuori dalla Roma.
Non conosco le dinamiche che hanno costretto Totti ad allontanarsi dal suo grande amore. Avrà avuto i suoi buoni motivi, questo è chiaro, e bisogna rispettare la sua scelta. Certo, sono sorpreso e stupito, non pensavo si potesse arrivare a tanto.

Totti ha detto: vado via perché non conto nulla e non mi fanno lavorare.
Non giudico l’operato della Roma, intesa come società, perché non fa parte del mio costume entrare negli affari degli altri. Però dico che io credo nei valori degli uomini bandiera, nel passaggio dei valori tra generazione e generazione.

Il Milan ha appena richiamato Maldini e Boban.
Appunto. Paolo è la storia rossonera. Hanno recuperato il suo bagaglio umano e tecnico mettendolo a disposizione dell’attuale squadra. Totti era e sarà per sempre la Roma: sono colpito dal fatto che si siano lasciati. Immagino anche il suo dolore, ma gli auguro ogni bene. Se lo merita.

C’è ancora grande stima tra di voi.
Non solo stima. Amicizia, una grande amicizia. Ci siamo conosciuti come rivali a 8 anni e come amici non ci siamo mai lasciati. Chiaro, ognuno ha fatto il proprio percorso, ma sempre senza perdersi di vista. Sono legato a Totti da un profondo affetto. Eravamo rivali, è vero, ma sempre con il rispetto davanti a tutto.

Chi ci rimette di più davanti a questa separazione: Totti o la Roma?
Penso che la Roma perda davvero tanto perché ritengo che la tradizione e la storia debbano sempre far parte di una società, ma è chiaro che non entro nel merito della scelta dei dirigenti. Francesco soffrirà ma ha le qualità per fare altre esperienze anche se non nella sua squadra del cuore, almeno per ora.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa