Resta in contatto

News

Pau Lopez: “A Roma avevo perso la gioia di allenarmi e il piacere di giocare a calcio”

Le parole del portiere spagnolo

Pau Lopez, ormai da poche settimane ufficialmente un calciatore del Marsiglia dopo che è scattato l’obbligo di riscatto legato alle presenze, ha rilasciato un’intervista a L’Equipe. Ecco le sue parole:

Non è per la pressione che non ho dato il meglio di me a Roma. Laggiù il problema è che avevo perso la gioia di allenarmi, il piacere di giocare a calcio. E il Marsiglia è arrivato al momento giusto. L’atmosfera, lo spogliatoio, il modo di giocare, non so perché ma dall’inizio qui ho ritrovato l’entusiasmo che avevo perso. Ho era incantato, mi stavo godendo ogni momento, e quindi non ho pensato al resto, che c’era Mandanda. Ho pensato soprattutto che fosse una grande opportunità per me, ero felice di venire ad allenarmi tutte le mattine. Avevo perso completamente il piacere di giocare. Qui ad esempio arrivo poco prima, resto dopo, scherziamo tra di noi, discutiamo. Laggiù ero felice solo quando lasciavo il centro di allenamento e tornavo a casa dalla mia famiglia. Roma è stata una grande sfida, è un club che può giocare l’Europa ogni anno. Ma quando non sei felice, non sei felice. Dopo questi due anni a Roma dove non ero al massimo livello, ho dovuto ritrovare il mio entusiasmo. Complicato arrivare in un club dove l’altro portiere è una leggenda? Bisogna essere preparati mentalmente. Perché non importa chi è venuto, chiunque avesse giocato al posto di Mandanda sarebbe stato nel fuoco, criticato, avremmo aspettato i suoi errori. È una realtà, ma non l’ho mai presa sul personale. Capisco di essere in un posto che è stata la casa di Mandanda per così tanto che la gente è abituata a vederlo in porta. Mi sono concentrato su di me, sulla mia formazione e ho lavorato”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News