Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, scatto sul futuro: da solo mette paura alla difesa dell’Atalanta e convince i Friedkin

Il 22 uno dei più pericolosi della Roma contro la Dea

L’uomo più nominato del dopo partita giallorosso è uscito con la faccia triste e il ciuffo ribelle fuori controllo. È Nicolò Zaniolo e, a testa bassa, ha ripreso la strada di casa con addosso i segni da cavaliere mediale dopo un torneo. Inutile nasconderlo: l’attaccante è un guerriero. Di quelli che uno vorrebbe sempre al proprio fianco. Non è un caso che con l’Atalanta sia stato protagonista di più duelli rispetto a tutti (23), vincendone la metà. Basta questo? Non proprio, tant’è vero che Zaniolo è il romanista su cui gli avversari hanno fatto più falli (5).

Ma come spesso capita nel calcio, Nicolò la vetrina se la prende per un altro motivo: il rigore che la Roma ha reclamato, senza che Chiffi desse un seguito alla protesta. L’azione era chiaro. Nel forcing del primo tempo dopo lo svantaggio, l’attaccante è entrato in area ed è stato trattenuto da Demiral, ma non è caduto a terra. È sufficiente per non fischiare? È stato l’interrogativo retorico che alla fine Mourinho ha rivolto al direttore di gara senza ricavarne soddisfazione. La bella prova dell’attaccante, comunque, è arrivata proprio davanti agli occhi di Dan e Ryan Friedkin. I soliti sussulti di mercato dicono che presto – magari proprio in questa sosta – potrebbero cominciare finalmente i colloqui fra il g.m. Tiago Pinto e l’agente del giocatore, Claudio Vigorelli. L’obiettivo della società è quello di rinnovare il contratto fino al 2027, il traguardo del giocatore è quello di andare a guadagnare più o meno come i top player della squadra, almeno 4 milioni a stagione. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa