Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini, altro traguardo in vista: domani a Marassi saranno 200 presenze in A

Il capitano è entrato giovedì nella top10 giallorossa in Europa

Lorenzo Pellegrini è pronto a tagliare il traguardo delle 200 presenze in serie A. Il capitano raggiungerà cifra tonda domani pomeriggio, quando la Roma affronterà la Sampdoria a Marassi. Per il numero 7 sarà la gara 153 nel massimo campionato con i colori giallorossi addosso. Le altre 47 apparizioni invece risalgono al biennio 2015-17, trascorso in prestito al Sassuolo prima di fare ritorno a Trigoria per 10 milioni di euro. Un’altra coccarda da appuntarsi dopo aver festeggiato le 200 partite giocate con la maglia della Roma in occasione della trasferta di Empoli dello scorso 12 settembre: in questa speciale classifica – guidata da Francesco Totti con 786 presenze – Pellegrini, cresciuto nel settore giovanile giallorosso, ha da poco superato Mirko Vucinic e Radja Nainggolan. Ma non è tutto.

Giovedì scorso in Europa League, il centrocampista ha raggiunto la 46esima presenza nelle coppe europee da romanista. Non un numero qualsiasi: grazie alla partita disputata giovedì scorso a Siviglia contro il Betis infatti, è diventato ancor di più parte integrante della storia del club dei Friedkin. Oltre ad essere il primo capitano nato nella Capitale ad aver alzato una coppa europea, Pellegrini è entrato nella Top 10 dei calciatori romanisti ad avere totalizzato più apparizioni in Europa. Attualmente occupa il decimo posto insieme con Vincenzo Montella a quota 46, ma già nei prossimi mesi potrebbe scalare piuttosto rapidamente la graduatoria. Davanti a lui ci sono Vincent Candela (48), Philippe Mexes (49) e Christian Panucci (50). In più, con il prossimo gol internazionale, Pellegrini diventerà uno dei primi dieci giocatori ad aver realizzato più reti nelle competizioni internazionali con la Roma.

Lo scrive Il Corriere della Sera

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa