Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma sul podio dei “quasi gol”. I numeri reali però la bocciano

L’attacco della Roma bocciato dai numeri di stagione

La Roma cammina costantemente in bilico tra il Bene e il Male. Ce lo dicono i numeri che accompagnano il gruppo di José Mourinho, che nelle prime 15 giornate di campionato ha pareggiato 3 volte (due nelle ultime due) e in un’occasione (su quattro) è stata sconfitta con più di un gol di scarto (a Udine). E che solo in due circostanze su 8 ha conquistato i tre punti senza chiudere con un vantaggio minimo (contro Monza e Verona).

Un comportamento singolare, il suo; frutto probabilmente dell’assenza di un’affidabile quadratura sia tecnica sia tattica. E di una robusta solidità mentale. In sostanza, una Roma mai scontata. Una Roma capace di tutto. In un senso o nell’altro, però.

La squadra ha difeso piuttosto bene e attaccato piuttosto male? Il “mal di gol” che l’affligge da mesi dovrebbe spingere con forza la risposta verso la seconda ipotesi. La Roma, però, è sul podio della classifica, comandata dal Napoli, degli “Expected Goal“.

Il problema è stato più di finalizzazione che di rifinitura? A giudicare dai numeri, le cose sono andate esattamente così, eccezion fatta per (almeno) le ultime tre gare. Ma il gruppo di Mourinho, pur non dando spettacolo, ha creato tante occasioni per fare gol, solo che non li ha fatti. Appena 18 in totale. Un grosso difetto all’interno di un grande pregio, acuito (o determinato?) dalla scarsa vena e dalla mira storta dei suoi attaccanti. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa