Resta in contatto

Edicola

L’Edicola, Zaniolo sempre più da tenere stretto. Giusto il pari col Milan, ma un punto che non serve a nessuno

Tutta la rassegna stampa in un click

LEGGO – Dopo l’umiliazione di Firenze, la Roma rialza la testa e, grazie ad un gol del solito Zaniolo, pareggia lo scontro diretto col Milan, portandosi a casa un punto e restando aggrappata alla zona Champions. A fine gara il tecnico giallorosso ha dichiarato: “Dobbiamo sempre prendere gli schiaffi per rialzarci. Oggi meritavamo la vittoria e Zaniolo ce lo teniamo stretto anche se deve migliorare quando va sul fondo”. Unica nota negativa della partita: l’abbandono della Curva Sud in segno di protesta, da parte degli ultras giallorossi che prima ricordano Antonio De Falchi e poi lasciano semivuoto il settore.
Intanto, dopo la sconfitta dell’Inter contro il nuovo Bologna di Sinisa Mihajlovic, si riapre anche la corsa al terzo posto.

IL MESSAGGERO – Fischi dell’Olimpico da mettere in preventivo dopo il disastro di Firenze, non di certo per il pari contro il Milan, visto anche il modo in cui i giallorossi hanno giocato, nettamente meglio dei rossoneri.  La squadra di Gattuso va in vantaggio grazie all’ennesimo gol all’Olimpico di Piatek, ma vengono raggiunti ad inizio secondo tempo da Zaniolo, che a fine partita dichiara: “Meritavamo di più, ci sono state occasioni nitide per segnare e non ci siamo riusciti. Dobbiamo dimostrare che in Coppa è stato solo un caso, dobbiamo lavorare per arrivare in Champions, che per noi è un obiettivo importante.”.
Per il giovane classe ’99 è il terzo gol consecutivo all’Olimpico..meglio di lui solo Totti. A fine partita ha parlato anche Di Francesco, rammaricato per la buona prestazione dei suoi ma per non aver ottenuto i tre punti. Queste le sue parole: “La mia squadra mi fa rabbia perché conosce questo sistema di gioco come altri, abbiamo vinto anche senza De Rossi, ma Daniele è stato straordinario.”

CORRIERE DELLA SERA – La Roma non sprofonda dopo il 7-1 di Firenze. Al gol di Piatek risponde Zaniolo, con Donnarumma che salva i rossoneri più volte. 90 minuti di spessore per il capitano De Rossi. Soddisfatto Di Francesco della prestazione dei suoi, che a fine gara elogia il numero 22 giallorosso: “È una grande mezzala, sa adattarsi a fare il trequartista perché è bravo nelle aggressioni, è uno dei pochi centrocampisti che può fare anche l’esterno, ce lo teniamo stretto.”. Non basta però la buona prestazione ai tifosi della Sud, che al 15′ minuto del primo tempo, dopo aver onorato Antonio De Falchi, abbandonano la Curva per il resto della gara.

LA REPUBBLICA – Dopo l’umiliazione in Coppa Italia, i giallorossi non perdono il treno Champions e bloccano sull’1-1 il Milan. La batosta di Firenze è un ricordo troppo fresco e la Curva Sud decide prima di ricordare Antonio De Falchi con una bella coreografia e poi di andarsene al 15′ del primo tempo. Bell’abbraccio a fine partita tra due campioni del mondo: Daniele de Rossi e Gennaro Gattuso. Anche il tecnico rossonero è uscito rafforzato dal match dell’Olimpico, viste le formidabili parate di Donnarumma.

LA GAZZETTA DELLO SPORT – Il Milan e la Roma non sfruttano la sconfitta dell’Inter contro il nuovo Bologna di Mihajlovic, occasione persa per entrambe le squadre di avvicinarsi al terzo posto. Buona però la prestazione della Roma in particolare di Nicolò Zaniolo che, grazie al gol del pareggio, si porta a tre gol consecutivi all’Olimpico, non male per la sua età e considerando che meglio di lui ha fatto solo un certo Francesco Totti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola