Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ora la Roma alza la cresta

Belotti

Il Gallo ad un passo dal giallorosso

Perché fermarsi proprio sul più bello? La Roma non ha nessuna intenzione di farlo e sfrutterà le ultime quattro settimane di calciomercato per regalare almeno un altro tassello a Mourinho. La priorità è Andrea Belotti, il rinforzo perfetto da affiancare ad Abraham.

Nel frattempo, se spunterà l’occasione giusta, verrà preso anche un difensore. E se dovessero arrivare offerte irrinunciabili per Zaniolo o chi per lui (al momento non ce n’è nessuna), l’eventuale cessione di un pezzo pregiato verrà rimpiazzata con un acquisto. Intanto, è un’esultanza continua.

Dopo il colpo Dybala, Mourinho e i tifosi si godono l’arrivo di Wijnaldum: “Mi sono sentito desiderato da questo club – ha detto Gini nell’intervista ai canali ufficiali del club – in queste settimane ho chiesto informazioni sulla Roma a Salah e a Kevin Strootman, tutti me ne hanno parlato benissimo. Pinto ha fatto un grande lavoro con il mio agente e il Psg, Mourinho mi ha detto le parole che volevo sentire“.

Le stesse, magari, già sussurrate anche a Belotti, che non vede l’ora di ricevere la chiamata per accordarsi con i giallorossi. Il Gallo considera Roma la piazza perfetta per rilanciarsi e accetta di partire dietro Abraham, con tante occasioni che arriveranno considerati gli impegni di coppa. Accetterebbe un ingaggio inferiore ai 3 milioni, ma prima di stringere su di lui Pinto vorrebbe vendere altre pedine. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa